Mar
13

- Dottoressa, lei si “ansia”?

Filed under (Link amici) by caterina.steri on 13-03-2017 e taggato , ,

Una delle domande più frequenti che mi viene rivolta dai pazienti è quella che indaga su come io riesca a non portarmi a casa tutti i problemi delle persone che seguo.
Tutto questo crea molta sorpresa ai loro occhi.
In realtà, anche noi terapeuti veniamo colti da stanchezza e assorbiti dai casi che seguiamo, soprattutto quelli che possono “riportarci” mentalmente ed emotivamente a questioni personali.
Ma in realtà, per essere bravi professionisti e per arrivare a tollerare quotidianamente diverse storie, abbiamo alle spalle anni di formazione professionale e di addestramento molto duri. Per non parlare del percorso di psicoterapia individuale e di supervisione passati e a cui periodicamente possiamo far ricorso.
Non siamo macchine, ma allo stesso tempo non siamo nemmeno spugne e “vomitatoi” nei quali le persone possano riversare tutto i loro dolori per farceli assorbire passivamente.
Una vera professionalità si basa non solo nel riuscire a lavorare sugli altri (obiettivo principale del nostro lavoro), ma anche sul riuscire a confinare vita lavorativa da quella privata. Sarebbe un vero e proprio dramma non riuscire a farlo perché il rischio maggiore diventerebbe proprio quello di non vivere a pieno la propria vita che sarebbe caratterizzata da una mancanza di confini e una contaminazione totale tra i suoi diversi ambiti.
Noi psicoterapeuti ci alleniamo quindi a riconoscere i nostri sentimenti in modo tale che l’atteggiamento del paziente sia trattato ai fini del suo benessere e non dei nostri vissuti. Tutto ciò attraverso un intervento neutrale.
Se perdiamo di vista il tipo di dinamica che si instaura con i pazienti rischiamo un vero e proprio contagio emotivo. Ciò non si traduce nel fatto che ci viene prescritto di non vivere emotivamente ciò che ci viene riportato, ma deve essere fatto in modo empatico, ovvero mettendolo sempre al servizio dell’altro.
Proprio per questo abbiamo il dovere di conoscere il più possibile noi stessi e di stare costantemente a contatto con i nostri vissuti. Allo stesso tempo, dobbiamo saper distaccarcene per mettere a disposizione le nostre risorse intellettuali nel modo più professionale possibile.
Allora che dire a chi mi chiede se il mio lavoro “mi ansia” o meno?
Dico che non è facile stare quotidianamente a contatto con vissuti problematici, ma so di poggiarmi su fondamenta professionali e personali che permettono di schermarmi dai dolori altrui e di lavorarci su con il massimo dell’oggettività possibile. Aggiungo anche quanto sia fonte di orgoglio ed ispirazione vedere come i disagi altrui possano convergere in situazioni positive e di benessere e sapere che il cambiamento in tal senso sia frutto dell’interazione tra la mia professionalità e la volontà delle persone di prendere in mano attivamente la vita rendendola migliore.
Aggiungerei infine che il fatto di fare un lavoro che mi appassiona lo rende molto meno difficile di quello che a tanti potrebbe apparire.



Lascia un commento
Nome:
Email:
Sito web:
Commento:
Codice di sicurezza: