Nov
10

Il dipendente affettivo a lavoro

Filed under (Link amici) by caterina.steri on 10-11-2016 e taggato , , , ,

Immagine dal web

Il dipendente affettivo si prostra continuamente, mette al primo posto i bisogni altrui a discapito dei propri e va alla ricerca costante della conferma di poter essere amato. Questi aspetti inevitabilmente si ripercuotono in tutti gli ambiti della sua vita, non solo quello amoroso, ma anche nel resto delle relazioni sociali e in campo lavorativo.

A questo proposito, oggi vorrei provare a raccontare come gestisce il lavoro la persona affetta da dipendenza affettiva.

Senza dubbio è una persona altamente efficiente perché il suo bisogno di amore la spinge a impiegare grosse energie per avere l’approvazione del capo e dei colleghi che spesso considera la sua famiglia, il nido in cui trova protezione e fa di tutto per meritarsela.

Apparentemente sembra anche che voglia fare carriera, considerato quanto si impegna nella professione, ma questo in realtà cela una forte insicurezza a cui tenta di ovviare sforzandosi in ogni modo per ottenere il consenso altrui e non accettando la possibilità di fare il  minimo errore. Allo stesso tempo vive nell’angoscia più totale per paura di essere abbandonato o tradito, a volte dimostrandosi antipatico e aggressivo. Questo capita quando il suo impegno diventa scontato agli occhi altrui che per abitudine smettono di palesare le conferme e le gratificazioni. In alcuni casi gli ingrati colleghi iniziano anche a pretendere che il dipendente affettivo lavori fino allo stremo e non accettano di buon grado sue forme, anche minime, di trasgressione ai suoi soliti modi di fare.

Come ogni dipendente affettivo, quando non si sente gratificato diventa più insicuro e cerca di sforzarsi ulteriormente per ottenere una qualsiasi forma di approvazione. Per questo infatti  non riesce a costruire delle relazioni sincere.

Egli non riesce a gratificarsi da solo, a riconoscere le sue risorse, dipende dal giudizio altrui ed evita gli scontri in qualsiasi modo pur di non creare “malumori” nei suoi confronti. Non è obiettivo nemmeno nei confronti delle ingiustizie che subisce e non manifesta mai il suo disappunto proprio per non incorrere nel rischio di venire giudicato, anche quando è palesemente nel giusto.

Inoltre, ha il terrore dei cambiamenti perché li vede come minacce certe al suo status. Come di solito accade, può prendere consapevolezza del suo problema solo quando raggiunge situazioni di estremo malessere in cui ormai ciascuno sforzo che fa diventa stremante e allo stesso tempo non raggiunge lontanamente il risultato sperato. Si rende conto allora di essersi alienato da tutto il resto del mondo per impegnarsi senza sosta a lavoro.

Questo sarò il momento in cui si potrà porre di fronte alla decisione di liberarsi dalle catene della dipendenza o di far finta di nulla e andare avanti come se nulla fosse accaduto.

Per liberarsi dalla situazione patologica lavorativa deve riuscire a ridimensionare la sua attività professionale per dare spazio ad una quotidianità diversa fatta di autoaffermazioni ed impegno in altre attività e relazioni. Deve riscoprire la bellezza di fare quindi altri tipi di esperienze smettendo di compiacere gli altri e considerando in primis i propri bisogni.

Deve rendersi conto di dover piacere prima di tutto a se stesso che agli altri, pur avendo vissuto con intenti contrari per anni, proprio per questo sarebbe opportuno cercare un aiuto terapeutico.

 SE VUOI CONOSCERE MEGLIO IL TEMA DELLE DIPENDENZE AFFETTIVE CLICCA QUI’.

 

 

 

 



Lascia un commento
Nome:
Email:
Sito web:
Commento:
Codice di sicurezza: